La geografia

cartina1

La geografia della Lituania

La Lituania è la più grande delle tre repubbliche baltiche. Il paese occupa 65300 kmq di superficie e la sua estensione, pari a circa il 22% del territorio nazionale italiano, supera in Europa quella della Slovacchia, della Svizzera e della Danimarca.
Confina a nord, per 588 km, con la Lettonia; a sud-ovest, per 104 km, con la Polonia (questo stretto confine da continuità al territorio dell’Unione Europea, verso nord est, in direzione della Finlandia e della penisola scandinava); a ovest con l’exclave russa di Kaliningrad (255 km) e a sud-est con la Bielorussia per 677 km.
La Lituania non ha isole e le sue coste si affacciano sul Mar Baltico per circa 100 km. La penisola di Neringa (detta anche Penisola dei Curoni, dal nome della tribù baltica dei Curoni da cui anticamete era abitata), che nasce nella Russia di Kaliningrad, si estende in territorio lituano per 51 km in direzione nord-est. Le sue spiagge cristalline e le sue dune di sabbia si innalzano sul mare lungo una sottile striscia di terra abitata da pescatori e cercatori d’ambra e protetta dall’Unesco.
Il fiume più importante del paese è il Nemunas, che scorre per 938 km e nasce in Bielorussia, 45 km a sud di Minsk. Scorre in Lituania per 359 km e sfocia nel mar Baltico segnando il confine con il dipartimento russo di Kaliningrad per più di 100 km. Nelle acque del Nemunas, nei pressi della città di Kaunas, confluisce il Neris, il secondo corso d’acqua del paese in ordine di lunghezza. Altri fiumi importanti sono la Venta, il Šešupė, la Mūša la Dubysa e il Nevėžis. ll territorio del paese è inoltre caratterizzato dalla presenza di numerosi laghi di varie dimensioni (se ne contano circa 3000), concentrati soprattutto nell’alta Lituania, nel nord-est dello Stato.
La geografia della della Lituania si distingue per il territorio quasi del tutto pianeggiante. Non vi sono rilievi montuosi importanti e il punto più alto del paese supera appena i 290 metri.